Get Adobe Flash player

Viterbo e Dintorni

La città di Viterbo si trova nell'Alto Lazio, capoluogo dell'omonima provincia, abitualmente detta Tuscia. Conosciuta in tutto il mondo come la Città dei Papi, è situata al centro della provincia, a ridosso dei Monti Cimini fra il Lago di Vico e quello di Bolsena. Per farvi apprezzare al meglio questa città abbiamo preparato un percorso turistico della città all'interno delle mura. Appena fuori del centro di Viterbo ci sono le rinomate Terme dei Papi e la sorgente termale del Bullicame, citata anche da Dante Alighieri nel canto XIV dell'Inferno, che alimenta la grande piscina natatoria della Terme dei Papi e varie "pozze". Altre sorgenti, tutte appartenenti al bacino del Bullicame alimentano altre "pozze" disseminate nella campagna circostante.

A circa 2,5 Km dalla città, nel piccolo borgo di Bagnaia troviamo la splendida Villa Lante con il suo parco ed i giardini rinascimentali. Nella immediate vicinanze della città c'è la necropoli etrusca di Castel d'Asso e ad appena nove chilometri le rovine della "splendidissima civitas" Ferento con il suo teatro Romano.

Il Parco dei Mostri o Sacro Bosco di Bomarzo è un giardino monumentale voluto e fatto costruire dall'eccentrico conte Vicino Orsini, dove si trovano al suo interno monumenti e sculture gigantesche che raffigurano animali mostruosi e mitologici.


Continuando l'ipotetica escursione, giungeremo fino a Civita di Bagnoregio, situata in posizione isolata, raggiungibile solo attraverso un ponte pedonale in cemento armato. La cui causa del suo isolamento è la progressiva erosione della collina e della vallata circostante, che ha dato vita alle tipiche forme dei calanchi e che continua ancora oggi, rischiando di farla scomparire per sempre, per questo è anche chiamata "il paese o la città che muore".

Non distante da Civita troviamo Orvieto, la città con cui Bolsena condivide la sacralità del miracolo eucaristico del Corpus Domini (è qui che i paramenti e le prove del miracolo di Bolsena sono custoditi).Da visitare: il Duomo, il Pozzo di San Patrizio e la necropoli etrusca.Scendendo da Orvieto verso il Lago di Bolsena, incontreremo la città che ne prende il nome.

Bolsena è la città del Miracolo Eucaristico avvenuto nel 1263 nella basilica dedicata ai santi Giorgio e Cristina. Nel 1264 venne istituita la festa del Corpus Domini, la festa viene celebrata ogni anno con una processione e con la tradizionale "Infiorata" durante la quale le strade si ricoprono di tappeti floreali.

Non meno importante è la festa di Santa Cristina, martire e patrona della città.

Ogni anno la sera del 23 luglio e la mattina del 24, vengono rievocati i martirii di Santa Cristina tramite dei quadri plastici viventi chiamati "Misteri".

Il lago di Bolsena è il lago vulcanico più grande d'italia, le sue acque grazie alla naturale conformazione ed alla mancanza di industrie inquinanti sono tra le più pulite e trasparenti d'Italia, tanto che i pescatori ancora oggi le usano per cuocere la "Sbroscia", una zuppa di pesce e verdure caratteristica del Lago di Bolsena. Da ricordare oltre al coregone le anguille, citate da Dante Alighieri in un passo della "Divina Commedia".


Dal Lago di Bolsena potrete proseguire fino a Tuscania, cittadina conosciuta sopratutto per le chiese romaniche di San Pietro e Santa Maria Maggiore e per le sue necropoli etrusche.Da Tuscania si passa a Tarquinia, importante per la grande ed imponente necropoli etrusca con le sue tombe dipinte e per il Museo Nazionale Etrusco. Dopo Tarquinia troviamo Vulci, dove si può visitare la necropoli etrusca vicino al castello e al ponte dell'Abbadia.

Lingue

ITALIANO
ENGLISH
DEUTSCH
NEDERLANDS

Foto

  

Informazioni Turistiche